Sorelle dei Poveri

di Santa Caterina da Siena

Le Madri

Madre Savina Petrilli

Fondatrice

I Madre Generale - 1874/1923

Attraverso M. Savina lo Spirito piantò nella Chiesa questa stirpe sacerdotale chiamata a vivere lo spirito di Cristo Sacerdote e Vittima. I suoi 50 anni di governo mettono in evidenza tutte le sue qualità di Fondatrice e di Madre, legataria di un Carisma che visse nella più indefessa fedeltà e che tramandò alle sue figlie con la vita e con i suoi scritti. “La Beata Savina amava Cristo appassionatamente… fino a farla esclamare: ‘Vita è amare Te, Dio del mio cuore!’” Nessuna difficoltà frenava l’ardore del suo spirito, la tenerezza materna del suo cuore verso qualunque tipo di sofferenza. Nel povero riconosceva, per la fede, Gesù Eucaristia… e, tutto donò a Gesù nei fratelli. Camminò sulle orme di Santa Caterina nell’amore a Cristo, alla Chiesa, ai poveri. La Famiglia religiosa, come albero rigoglioso, crebbe rapidamente e, in modo quasi miracoloso, gettò rami e produsse frutti in abbondanza. Ma il miracolo vero era l’amore di Savina. La sua parola d’ ordine era: TUTTO E’ POCO PER GESÙ. Carica di meriti e di buone opere il 18 aprile 1923 il Signore trovò Savina pronta per il paradiso. La Congregazione contava già 52 case – incluso il Brasile e l’Argentina – e 440 Suore.

Madre Anna Virginia

II Superiora Generale

II Madre Generale - 1923/1935

Madre Virginia Saltini, succeduta alla Venerata Madre Fondatrice nel governo della nostra Famiglia Religiosa, fu l’eco di una voce e la continuatrice d’una guida che portò la Congregazione ad espandersi ed affermarsi sul solco benedetto tracciato dalla mano confidente della pia fondatrice, la quale in esso animosa, gettò i semi che anche oggi, per virtù di grazia e amore danno fiori e frutti di bene. A ricordare l’anima eletta, aristocratica per la squisitezza dell’amore, che la legó per sempre al suo Sposo celeste; e mite, amabile nell’espressione del portamento e del tratto, che la fecero vicina e compassionevole a tutti i bisognosi, ai quali si donó con larghezza d’amore. Tre eventi awenuti nella Famiglia per opera di M. Virginia. ● Il ritorno del corpo venerato di Madre Savina alla Casa Madre. ● La stampa completa del Direttorio. ● La stampa della  Voce Materna, che raccoglie, per ogni giorno, una parola di affetto, di esortazione della Madre Savina per ciascuna sua figlia di ogni tempo. 

Madre Ester Verità

III Superiora Generale

III Madre Generale - 1935/1947

Una Madre che veniva da lontano… missionaria nel Brasile da trent’anni. Rimase in Italia presa dalla rete del Signore, che ha voluto porre nel suo cuore il peso forte e soave di una maternità più vasta. Chiamata la Madre buona, M. Ester amava davvero tutte le Sorelle … ma forse un “pizzico” di predilezione per le giovani ce l’aveva!… Ecco perché dette vita alla Scuola Apostolica che fu terreno fertile di tante buone vocazioni… (il pellegrino alza gli occhi e guarda la M. Agostina, Sr Tarcisia, Sr. Maria, Sr Anna, Sr. Ivana, Sr. Maria Pia, Sr. Angela, Sr. Franca, e tante altre , …) Madre Ester nella sua missione di Madre Generale ebbe molto da fare, da offrire e da soffrire!… la casa generalizia potrebbe raccontare del suo dirotto pianto quando nel 1936 più di trenta valide Sorelle decisero di separarsi dall’istituto… E poi la sofferenza profonda provocata dalla II Guerra Mondiale fu un’altra grande prova per M. Ester che ostacolò tanti  suoi progetti.

Madre Anna Martina

IV Superiora Generale

IV Madre Generale - 1947/1959

Anna Martina era una donna dotata di tanti doni di natura e di grazia… intelligente e colta, fortemente impegnata nel cammino spirituale. Donna sensibile con capacità di accoglienza, di perdono, accettando nel silenzio le molte sofferenze, accusata ingiustamente ,custodì nel silenzio e nella preghiera la verità per non ferire nessuna, amava ripetere “ Dio sa  e questo basta!” Ha vissuto nel nascondimento, nell‘ umiltà, nel silenzio e nella preghiera. Portando con delicatezza il ramoscello della pace; accanto a lei si avvertiva DIo  Furano tante le realizzazioni nel suo periodo di governo: -la preoccupazione per accrescere nelle Sorelle dei Poveri il fervore e la conoscenza verso la Madonna che lei tanto amava. Fu lei che ideó il Calendario Mariano delle SdP; -la creazione del Foglio Notizie con il quale metteva al corrente tutte le sue figlie della vita della Congregazione; -l’impegno per riallacciare al Centro le case dell’America Latina dopo l’isolamento provocato dall’ultima Guerra Mondiale.

Madre Giovanna Fois

V Superiora Generale

V Madre Generale - 1959/1971

Madre Giovanna Fois, nel 1959, fu eletta V Superiora Generale della Congregazione. Il suo mandato si è svolto in un periodo non troppo semplice:  il Concilio Ecumenico Vaticano II , le richieste da parte della Chiesa, di ritornare alle radici, di rileggere la Vita Religiosa alla luce dei documenti del Conc. Vat. II. Obbediente alle disposizioni che venivano emanate dalla Chiesa, indisse il Capitolo speciale, iniziando il cammino di rinnovamento della Vita Religiosa auspicato dalla Chiesa. Con lo sguardo proteso al futuro sentì l’urgenza di dare alle giovani Suore anche una formazione culturale e professionale perché la loro presenza nelle attività fosse all’altezza del compito che veniva loro richiesto. Madre Giovanna fu una Madre semplice, disponibile, schietta e generosa.

Madre Agostina Bonemei

VI Superiora Generale

VI Madre Generale - 1971/1990

Madre Agostina Bonemei Superiora Generale della Congregazione per più di 18 anni, è stata una Madre che ha riempito il suo calendario tanto di vita quando di fatti. Donna intelligente e colta, di preghiera e di riflessione. prudente e retta, rispettosa e capace di ascolto, fedele al carisma e alla Famiglia, impegnata spiritualmente e guida sicura nel cammino. Per enumerare quanto ha realizzato durante il suo mandato non è tanto facile perché il suo itinerario è stato a passo di marcia, deciso e senza sosta… Alcune delle sue realizzazioni: ● Il ritorno alle fonti originarie, per fare emergere  il Carisma della Congregazione, ● La conoscenza approfondita della vita della Fondatrice mediante la formazione permanente. ● Ha estrapolato dal Direttorio, lasciatoci dalla Madre Fondatrice, tutta la spiritualità in esso contenuta, in un testo: “in Oblazione permanente con Cristo “ ● L’aggiornamento della Regola di Vita conclusa il 2 febbraio 1988 con1’approvazione definitiva della Santa Sede; ● La beatificazione della Fondatrice. 24 aprile 1988 ● L’apertura di case missionarie in 4 paesi: India. Stati. Uniti, Filippine e Paraguay. ● L’edizione dei libri: - Una povertà che si chiama Cristo; - Una donna per Dio e per gli altri; - Savina Petrilli come pane spezzato; - Quando la sofferenza diventa tenerezza.

Madre Socorro Fortes

VII Superiora Generale

VII Madre Generale - 1990/2015

Madre Fortes è nata il 23 luglio 1946 nello stato del Piauí, Brasile… È entrata nella Congregazione delle Sorelle dei Poveri e si è rivelata molto impegnata a vivere e ad incarnare la spiritualità dell’Istituto. Madre Fortes ha uno spiccato senso di leader, di disponibilità, di ascolto, apertura ai sensi dei tempi, equilibrio, libertà interiore, insieme ad un forte spirito di fede, umiltà, zelo apostolico, profondo senso di appartenenza alla famiglia religiosa e alla Chiesa. È dotata di una tenerezza materna, sincera e ha una capacità creativa nel motivare ad assumere da protagonista la sfida della crescita carismatica attraverso dei mezzi come la formazione permanente. Il suo servizio di guida ha portato frutti come: ● Impegno per creare una “piattaforma comune” nell’Istituto, a livello di spiritualità, di linguaggio tecnico, di criterio carismatico-missionario; ● La realizzazione di un convegno interculturale; ● La realizzazione del primo consiglio allargato e della prima assemblea intercapitolare; ● L’apertura della casa missionaria in Ecuador; ● La creazione della Delegazione Madre Savina, per la missione in India; ● Il costante impegno e la struggente preoccupazione per l’animazione vocazionale.

Madre Liliana

VIII Superiora Generale

VIII Madre Generale - 2015

Eletta generale in Roma il 12 ottobre 2015 - Madre Liliana è nata in Argentina il 2 novembre 1958. È la quinta figlia di sei fratelli. Da giovane, ha sentito la chiamata di Dio nella sua vita, invitandola a servirlo più da vicino. Ha studiato al Colegio Nuestra Señora del Huerto e si è laureata in Medicina. Poco dopo è entrata  a far parte della Famiglia Saviniana con un grande desiderio di amare e servire Dio, come la Beata Savina, nel fratello più vulnerabile. Appena raggiunto la professione perpetua ha assunto la missione di superiora in una comunità in Argentina, è stato l’inizio di un’ esperienza che l’ ha portata ad assumere la responsabilità di provinciale. Madre Liliana è una donna intelligente, umile, semplice e profonda. Ha un ardore giovanile e un senso di famiglia che la rende vicina.   Il suo attuale servizio di guida, nonostante le difficoltà dell’epoca, ci sprona ad accogliere la novità del tempo: ● L’impegno per generare una mentalità di comunicazione multimediale per un' estensione della missione. ● Corso di Comunicazione multimediale per le sorelle giovani. ● L’impianto dell’Ufficio di Comunicazione Saviniana. ● Impegno per una formazione iniziale  più  solida, carismatica. ● Impegno per dare nuovo slancio all’economia della provincia italiana.